Genitore preoccupato ci scrive….

lettera.gifCarissimo GEN.I.O,

Ho letto velocemente la circolare sulle iscrizioni: sono confermati tutti i timori!

Il tempo pieno è garantito laddove esistano i servizi (mensa in particolare), le strutture (aule) e le richieste di un numero sufficiente di famiglie: tutto ciò non costituisce problema.

Il vero nodo è che sparisce la compresenza dalla 1^ alla 5^!!! E questo è scritto chiaramente, purtroppo ma anche per fortuna: non siamo noi genitori ed insegnati ad agitare fantasmi, il taglio verrà effettuato e si tratta di un taglio del 10% del personale in un colpo solo!!!

Centinaia di migliaia alunni che frequentano le classi successive alla prima non sanno se potranno continuare a seguire il modello didattico attuale – e sarebbe la prima volta nella storia della modifiche all’ordinamento scolastico – o se invece si troveranno di fronte alla soppressione del team di docenti già prevista per le prime classi, e non sanno se ritroveranno in classe gli stessi insegnanti”.
“Il combinato disposto dell’avvio del maestro unico, dell’abolizione delle compresenze e dei tagli al personale imporrà infatti alle scuole piante organiche ridotte con evidenti ricadute negative sull’offerta formativa.

Questa mattina nella scuola media che frequenterà mio figlio il prossimo anno è stato detto chiaramente che il prossimo anno il docente incaricato del laboratorio di informatica dovrà fare altro ed è a rischio l’attività stessa.

Non sarà più possibile dividere la classe in due gruppi per svolgere questa ed altre attività che non possono essere affrontate con un gruppo di 25/30 alunni.

Ma l’informatica è materia curricolare, presente sulla scheda di valutazione ed era una delle tre I (maiuscole) che qualcuno aveva sventolato…a voi le debite conclusioni……

                                                                                                                        segue la firma

 

Genitore preoccupato ci scrive….ultima modifica: 2009-01-21T14:07:00+00:00da nogelmini2008
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento