Orbassano – Distribuito in tutte le scuole VOLANTINO che spiega gli effetti della Legge Gelmini nelle Scuole Orbassanesi

logo genio.gif

SCARICA IL VOLANTINO IN .pdf

GLI EFFETTI DELLA LEGGE GELMINI NELLE NOSTRE SCUOLE

 

MOLTI GENITORI SONO SERENI E SODDISFATTI… NELLA NOSTRA REALTA’ LOCALE, NONOSTANTE I TAGLI CONSEGUENTI ALL’APPLICAZIONE DELLA LEGGE GELMINI LE DIREZIONI SCOLASTICHE SONO RIUSCITE A GARANTIRE ANCHE PER QUEST’ ANNO IL TEMPO PIENO… MA A QUALE COSTO?

QUALI SONO I CAMBIAMENTI MENO EVIDENTI MA CON RICADUTE MOLTO IMPORTANTI?

TAGLI DALLA RIFORMA GELMINI

SCUOLE

TAGLI

CONSEGUENZE

SCUOLA DELL’

INFANZIA

MENO 2 PERSONALE ATA (BIDELLE/I) IN CIASCUN CIRCOLO

MENO assistenza ai bambini, MENO cura delle strutture

MANCATA ISTITUZIONE DI NUOVE SEZIONI, che significa che gran parte delle sezioni (anche quelle in cui sono inseriti bambini/e disabili) sono composte da 28 bambini ( numero max secondo la legge)

Classi SOVRAFFOLLATE

SCUOLA ELEMENTARE

MENO 2 BIDELLE/I PER CIASCUN CIRCOLO

MENO assistenza ai bambini, MENO cura delle strutture

MENO 2 INSEGNANTI PER IL I CIRCOLO, un pensionamento non rimpiazzato

MENO 3 INSEGNANTI E UNA CLASSE IN PIU’ PER IL II CIRCOLO

MENO attività, MENO recupero

Nel I circolo RIDUZIONE DELL’ORARIO per le prime, le seconde e alcune terze (da 40 a 36 ore) le 4 ore mancanti sono coperte da una cooperativa sportiva il cui costo ricade sulle famiglie

PIU’ COSTI a carico delle famiglie

MENO 1 insegnante di inglese nel I circolo e MENO 1 insegnante nel II circolo

Nel I circolo le classi prime non fanno inglese (forse si attiverà verso la fine dell’anno utilizzando il fondo di Istituto)

ELIMINAZIONE DI GRAN PARTE DELLE COMPRESENZE Le ore rimaste serviranno anche a coprire le assenze di pochi giorni poiché non vengono nominati i supplenti (non ci sono fondi per pagarli)

MENO attività di recupero, riduzione drastica dei laboratori, riduzione delle uscite sul territorio. In caso di assenze di insegnanti i bambini potranno essere divisi in gruppi e portati in altre classi

Nel II circolo ELIMINAZIONE DEL LABORATORIO DI MUSICA (garantito solo per le quinte), RIDUZIONE delle ore di informatica (da 2 a 1 a settimana) e inglese (MENO 1 ora per le prime e le quarte)

MENO conoscenze ed esperienze formative. MENO possibilità di apprendere efficacemente la lingua inglese

Nel II circolo istituzione di una prima con insegnante prevalente per 22 ore

Il modello dell’insegnate prevalente (e unico) è molto criticato dal punto di visita pedagogico!!

Nel II circolo la mensa delle prime classi è coperto a turno da insegnanti diversi che si alternano nel corso di tutto l’anno scolastico

MENO tempo mensa come tempo educativo

IL CONTRIBUTO STATALE PER IL Piano dell’ Offerta Formativa (POF)

che lo scorso anno era di 4.230 euro per l’intero circolo, quest’anno sarà ulteriormente ridotto (ma non si sa ancora né a quanto ammonterà né quando arriverà…)

MENO attività e PIU’ costi a carico delle famiglie

SCUOLA MEDIA

MENO 7 INSEGNANTI

MENO attività, MENO tempi distesi di apprendimento, MENO laboratori

NO SORVEGLIANZA DURANTE LA MENSA (che sarà coperta da una cooperativa il cui costo è a carico delle famiglie)

MENO tempo mensa come tempo educativo ,Più costi per le famiglie

DIRIGENTE SCOLASTICO IN REGGENZA (l’istituto è costituito da due plessi L.da Vinci e Fermi con un solo dirigente che da quest’anno lo è anche per un istituto in un altro comune)

Anche se non è conseguenza diretta della legge Gelmini, ci saranno maggiori difficoltà nel gestire le necessità delle scuole.

Mentre lo scorso anno i laboratori di: studio assistito, attività sportiva, teatro e latino erano gratuiti,quest’anno saranno a carico delle famiglie. Causa non adesione è partito solo il laboratorio di teatro.

PIU’ COSTI a carico delle famiglie , Meno adesioni al POF , Minore numero di laboratori organizzati.

TAGLI DAL COMUNE

SCUOLE

TAGLI

CONSEGUENZE

SCUOLA DELL’INFANZIA E SCUOLA ELEMENTARE

IL CONTRIBUTO PER IL Piano dell’ Offerta Formativa (POF) da parte del comune non è ancora stato deliberato e dunque le scuole non hanno ricevuto questi fondi né sanno se arriveranno.

Ad oggi NESSUN CONTRIBUTO PER L’EDUCAZIONE AMBIENTALE (l’anno scorso era pari a circa 7.000 euro per ogni circolo)

In più nessuna alternativa attuale alle attività che le scuole svolgevano presso il Parco Ilenia Giusti attualmente chiuso

Anche il comune contribuisce a peggiorare la qualità delle offerte formativa delle nostre scuole.

Oltre a non erogare nuovi fondi non vengono destinati neanche quelli erogati gli scorsi anni…

Si farà educazione ambientale senza nessuna uscita e senza sperimentazione…

QUAL E’ L’ATTENZIONE AI PICCOLI CITTADINI?

SCUOLA MEDIA

Ad oggi NESSUN CONTRIBUTO per il piano di offerta formativa

Ad oggi NESSUN CONTRIBUTO per l’educazione ambientale

INOLTRE…

Questo è solo l’inizio. Infatti, i tagli continuano, ad esempio:

“Già quest’anno ci sarà un taglio di 40 milioni di euro per l’offerta formativa. Ma la vera stangata arriverà nel 2011-2012, quando la “speciale dote” nelle mani di scuole e uffici scolastici, introdotta nel 1997, con la legge 440, per sostenere, anche, formazione del personale, handicap, innovazione e alternanza scuola-lavoro, passerà a quota 99,5 milioni di euro. Praticamente, un terzo della consistenza originaria: 274 milioni di euro” (il SOLE 24 ORE, 19 ottobre 2009)

QUINDI…

Chi potrà accedere ad esperienze educative e formative, se la scuola non potrà più offrirle gratuitamente agli alunni? (come attività sportive, laboratori di educazione ambientale, laboratori di musica…) ??

Chi potrà accedere a stimoli culturali importanti per la crescita personale, intellettiva, come visite a musei, visione di film, spettacoli teatrali ecc..??

PROPOSTE A BREVE…

A seguito dell’elezione dei rappresentanti di Classe (materne e elementari) e dei Consigli di ISTITUTO (scuole medie) organizzare mo un incontro per condividere le iniziative future.

 

Orbassano – Distribuito in tutte le scuole VOLANTINO che spiega gli effetti della Legge Gelmini nelle Scuole Orbassanesiultima modifica: 2009-11-14T20:38:00+00:00da nogelmini2008
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento