ORBASSANO – Dirigente Scolastico 2° Circolo Didattico scrive su Lavori di ristrutturazione Scuola Gramsci ed ex casa del custode.

logo genio.gifOGGETTO: lavori di ristrutturazione Scuola Gramsci ed ex casa del custode.


In riferimento al recente confronto avuto dalla sottoscritta, dal Vicario Alberto CERVIA e dalla DSGA Felicetta RUFFA, presso la Scuola Gramsci, con il Sindaco di Orbassano, con alcuni Assessori ed alcuni Tecnici del Comune di Orbassano, in merito all’impiego di risorse finanziarie da utilizzarsi per la realizzazione di lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria della Scuola Gramsci, ed in merito alla imminente ristrutturazione della ex casetta del custode posta all’interno del giardino della scuola medesima, e destinata a d ospitare il Gruppo Giovani PUZZLE, si ribadiscono alcune importanti osservazioni e richieste.


Innanzitutto non si ritiene che la ristrutturazione della ex casa del custode, da molti anni richiesta allo scopo di evitare di usare come aule, locali con destinazione di uso diverso e troppo piccoli per poter contenere classi di alunni, e ora improvvisamente prevista per collocare il Gruppo PUZZLE, risulti un’operazione corretta.


Sebbene la proprietà dei locali sia comunale, si riscontra un’eccessiva autoreferenzialità dell’ente pubblico nel prendere decisioni che non vanno a ricadere esclusivamente sulle politiche locali ma che vanno a coinvolgere la vita scolastica e professionale di molti alunni e di molti lavoratori.


Riteniamo infatti che una precoce e ragionata condivisione dei problemi e delle ipotetiche soluzioni avrebbe favorito un clima interlocutorio maggiormente proficuo.


Durante l’incontro, per altro non previsto, né preceduto da alcuna convocazione scritta, è stata confermata la possibilità che la nell’anno solare 2011, oltre al già previsto ampliamento del refettorio della Scuola Gramsci, possano essere anche aggiunte due aule, intervenendo sulla struttura perimetrale dell’edificio.

In realtà, l’operazione, se realizzata su uno dei lati liberi dell’edificio, andrebbe a ridurre sensibilmente lo spazio verde della Scuola, che non si capisce perché debba essere sacrificato, quando è da anni, completamente inutilizzata l’area della ex casetta del custode, per la quale, più volte è stata proposto un progetto di riutilizzo a favore della Scuola.

Il progetto citato prevederebbe la collocazione di aule al posto dei locali attualmente dati in uso alla Segreteria, che verrebbe collocata, insieme all’archivio, nella ex casa del custode, risolvendo gli annosi problemi di spazio che la Segreteria deve affrontare quotidianamente, a causa dell’assenza di un archivio vero e proprio, e soprattutto a causa dell’assenza di locali idonei a svolgere lavori di ufficio ormai soggetti al rispetto della privacy, per i quali sarebbe opportuno poter disporre di un’area meno angusta di quella attuale.


La collocazione repentina e non prevista del Gruppo Giovani PUZZLE, nell’edificio a suo tempo residenza del custode della Scuola Gramsci non si ritiene inoltre nemmeno troppo compatibile con l’attività scolastica, considerata la obbligata convivenza di alunni di scuola dell’infanzia, di scuola elementare di giovani adolescenti, in un area troppo ristretta.


Sebbene si ritenga che il Gruppo Giovani svolga un’importante attività e meriti il rispetto che il Comune ha saputo nel tempo attribuirgli, non riteniamo che la giusta collocazione della sede del Gruppo PUZZLE possa essere quella improvvisamente selezionata dall’Ente Locale, senza alcuna richiesta di parere all’ente pubblico che occupa l’area in cui ha sede lo stabile, con lo svolgimento di attività istituzionali.


Ci è inoltre stato comunicato verbalmente, durante l’incontro già menzionato, che sono stati messi a bilancio 100.000,00 euro, da spendersi entro l’estate del 2010, per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria di cui necessita la Scuola Gramsci, ma già, in buona parte, destinati alla costruzione di tre aree sottostanti i bagni del primo piano dell’ala della Scuola Gramsci rivolta verso Via Frejus. Altri lavori verrebbero realizzati con le economie restanti dopo la realizzazione delle opere murarie relative alle tre aree citate.


La costruzione di queste aree avrebbe lo scopo di isolare i tre bagni, per prevenire che le tubature gelino durante i mesi invernali.


In realtà le tubature di questi bagni, negli ultimi 20 anni non sono mai gelate, e anche volendo accogliere con favore la costruzione di queste tre aree, per poterle usare come locali archivio, non ci sembra che il loro utilizzo potrebbe risolvere i problemi di spazio della Scuola, anche in considerazione che i locali non sarebbero riscaldati.


E sempre a proposito della chiusura di queste tre aree sottostanti i bagni, si evidenzia che il perimetro che verrebbe coperto dai muri necessari a chiudere le tre aree, risulterebbe incluso nella traiettoria di fuga di ben tre porte antipanico, utilizzate dalle classi come uscite di sicurezza.


Inoltre, considerati i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria di cui la Scuola Gramsci necessiterebbe per essere messa a norma, ci sembra poco funzionale che una grossa percentuale del budget sopra citato e corrispondente a 100.000,00,  vadano impiegati  per un’operazione che non corrisponde a lavori per la messa a norma di questo o di altri edifici del Circolo.


A questo proposito, si ricorda che:


  • Nell’anno scolastico 2008/2009, i Vigili del Fuoco hanno visitato la Scuola dell’Infanzia Peter Pan verificando l’assenza dei requisiti per il rilascio del Certificato Prevenzione Incendi:
  • In data 21/12/09 i Vigili del Fuoco hanno visitato la Scuola dell’Infanzia Aprieroverificando l’assenza dei requisiti per il rilascio del Certificato Prevenzioni Incendi
  • In data 16 febbraio 2010 un ispettore dell’ASL ha visitato la Scuola Gramsci allo scopo di evidenziare eventuali inadeguatezze in materia di normativa igienico sanitaria
  • In data 23 febbraio 2010 un ispettore dell’ASL ha visitato la Scuola Rodari allo scopo di evidenziare eventuali inadeguatezze in materia di normativa igienico sanitaria


Mentre resto in attesa del relativo verbale, che seguirà le recenti visite dell’Ispettore ASL, allego alla presente il riscontro successivo alla visita del Vigili del Fuoco alla Scuola dell’Infanzia Apriero, per la quale sarebbe urgente intervenire là dove sono state riscontrate inadempienze che mettono a rischio l’incolumità degli occupanti il plesso scolastico.


Si suggerisce pertanto di destinare con urgenza, un budget adeguato, per i lavori suggeriti a favore della Scuola Apriero, elencati nella qui allegata comunicazione dei Vigili del Fuoco.

Si allegano inoltre iun elenco di interventi da realizzare per la sicurezza degli edifici Gramsci e Rodari, che risultano anche a parere del nostro Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, l’Architetto Paschetta, maggiormente urgenti della chiusura delle aree sottostanti i bagni del primo piano.



In sintesi chiediamo:


  • che la ex casa del custode resti a disposizione della Scuola, affinchè sia progettato e realizzato, a breve termine,  un suo utilizzo funzionale alla carenza di spazi della Suola Elementare GRAMSCI;


  • che non vengano realizzati i “locali archivio” sotto i tre bagni dell’ala della Scuola Gramsci rivolta verso via Frejus, e che per prevenire i problemi di gelo delle tubature, si opti per un’isolamento termico dei soli tubi;


  • che il budget previsto per la costruzione dei locali archivio sottostanti ai 3 bagni del primo piano della Scuola Gramsci, venga impiegato prioritariamente per la messa a norma degli edifici scolastici;


  • che prima di escludere che la ex casa del custode possa diventare il fulcro del progetto di ampliamento della Scuola Gramsci, si rifletta sul fatto che la realizzazione di nuovi locali annessi alla Scuola, sottrarrebbe spazio verde agli alunni, mentre il riutilizzo della casetta sede dell’abitazione del custode, per creare nuove aule o per spostarvi la segreteria, non andrebbe a ridurre lo spazio giardino


Certi che sia ancora possibile individuare delle modalità di contrattazione per un diverso utilizzo dei fondi e dei locali a disposizione, porgiamo distinti saluti.



Orbassano,  12 marzo 2010

· IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Simonetta BISICCHIA

 

__________________

· IL DSGA

Felicetta RUFFA

 

_____________________

· IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

DI CIRCOLO

Ugo TAVELLA

 

______________________

· IL COLLEGIO DEI DOCENTI SCUOLA DELL’INFANZIA E PRIMARIA

 

· Il Coordinamento Genitori Insegnanti Orbassano

ORBASSANO – Dirigente Scolastico 2° Circolo Didattico scrive su Lavori di ristrutturazione Scuola Gramsci ed ex casa del custode.ultima modifica: 2010-04-19T13:22:00+00:00da nogelmini2008
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento