Dopo due anni di lotte, ripristinati i fondi alle scuole

stemma italia emblema180x108.gifIl ripristino dei fondi per il funzionamento didattico e amministrativo è stato comunicato oggi dal Miur ai sindacati in una riunione sul Programma annuale. Si tratta di oltre 120 milioni di euro che rappresentano una boccata d’ossigeno per le casse scolastiche lasciate a secco per due anni consecutivi.

A distanza di un anno, dopo che molti davano la partita per persa, il Ministero si convince al rispetto delle regole richiamando nella circolare sul Programma annuale, di prossima emanazione, il D.M. 21/07 (il capitolone), il D.I. 44/2001 (regolamento di contabilità) e il regolamento sull’autonomia scolastica.

Finalmente va in porto la battaglia condotta dalla FLC e dalle scuole per tutto il 2010 per ottenere dallo Stato il finanziamento delle spese ordinarie della scuola pubblica e il rispetto delle regole nella gestione delle risorse finanziarie nelle istituzioni scolastiche.

In sostanza, le scuole, nel predisporre il programma annuale 2011, potranno iscrivere in bilancio anche la quota relativa al funzionamento didattico e amministrativo.

Nel caso di spese per supplenze riceveranno fondi aggiuntivi rispetto a quelli assegnati in prima battuta con la circolare ministeriale a condizione che tale spesa risulti regolarmente impegnata tramite i flussi gestionali.

Nella circolare verranno richiamate le nuove modalità di gestione dei fondi contrattuali in seguito alle novità introdotte dal 1 gennaio 2011 sul “cedolino unico”.

La circolare sul programma annuale dovrebbe essere emanata entro i prossimi giorni, quindi, in tempo utile per la predisposizione del programma annuale 2011.

Finalmente si rispettano i termini di emanazione delle circolare. Un’altra vittoria della FLC e delle scuole che l’anno scorso avevano protestato contro l’emanazione tardiva della circolare  sul programma annuale 2010.

Le questioni ancora aperte

La circolare lascia irrisolte alcune partite scottanti come, ad esempio, il finanziamento delle indennità di funzioni superiori svolte da docenti e assistenti amministrativi, il pagamento delle ore eccedenti in sostituzione dei colleghi assenti, l’inserimento dei residui attivi nell’”aggregato Z.”

La FLC ha espresso totale disaccordo su quest’ultimo punto, ritenendo che le scuole non siano obbligate a inserire i residui attivi di fonte Miur nell’aggregato “Z”.

A proposito delle indennità di funzioni superiori, la FLC ha chiesto specifiche risorse per finanziarle: in assenza dei concorsi per il reclutamento dei Dirigenti scolastici e dei DSGA, infatti, sono aumentate a dismisura le reggenze;trattandosi, poi, di personale con incarico a tempo indeterminato, i compensi per tali indennità devono essere a carico delle DPT.

La questione deve essere oggetto di apposito confronto tra le parti e con il MEF.

Le precisazioni

Nel corso della riunione la FLC ha chiesto che, con un’apposita nota, sia chiarito che il pagamento per lo svolgimento delle ore di attività alternativa all’IRC (non a carico del FIS né del bilancio delle scuole) deve essere effettuato dalle DPT negli appositi capitoli di bilancio.

Infine, pur apprezzando la formulazione relativa al finanziamento delle supplenze brevi e saltuarie, ha chiesto, soprattutto alla luce dell’aumento sia delle ore eccedenti sia delle supplenze (conseguenza dell’orario cattedra a 18 ore), che il Miur, anche qui con una nota ad hoc, abbatta gli attuali impossibili limiti normativi per poter chiamare il supplente. Superare questi limiti è condizione per garantire il diritto allo studio degli alunni, quindi, i dirigenti devono essere messi nelle condizioni di chiamare il supplente sin dal primo giorno d’assenza del titolare.

Il Miur si è detto disponibile e integrare la circolare nel senso proposto dalla FLC e a rinviare ad un momento successivo la soluzione di alcune partite “scottanti” come ad esempio il finanziamento delle indennità di funzioni superiori.

Dopo due anni di lotte, ripristinati i fondi alle scuoleultima modifica: 2010-10-28T14:09:26+00:00da nogelmini2008
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento